Home » Attività chirurgica ortopedica

Attività chirurgica ortopedica

ARTROPROTESI D'ANCA CON LA TECNICA MINI-INVASIVA

ARTROPROTESI  D'ANCA CON LA TECNICA MINI-INVASIVA - ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
L'applicazione dell'artroprotesi d'anca con la tecnica mini-invasiva rappresenta una metodica chirurgica avanzata, con ridotta aggressività nei confronti dei tessuti. Da tempo abbiamo rivolto la nostra attenzione all'accesso mini-invasivo anteriore, che ci è sembrata la soluzione più semplice e vantaggiosa per l'applicazione di artropotesi dell'anca.
La minor durata dell'intervento, la ridotta esposizione chirurgica,  i minori danni tessutali, le minori perdite ematiche, il minor fabbisogno di trasfusioni, il minor dolore post-operatorio e la più veloce e semplice ripresa funzionale rappresentano gli aspetti salienti di questa tecnica chirurgica, che da tempo utilizziamo con particolare frequenza all'Ospedale S. Antonio di Padova.
Il paziente deve possedere caratteristiche cliniche e radiografiche in grado di corrispondere alle possibilità offerte dalla tecnica mini-invasiva. E' molto importante quindi la selezione accurata dei pazienti.
La coxartrosi (primitiva o secondaria), la necrosi della testa del femore e le fratture del collo del femore rappresentano le indicazioni più frequenti all'utilizzo della tecnica mini-invasiva.
Il ricovero ospedaliero si protrae per circa 6/7 giorni dopo l'intervento chirurgico. Il drenaggio viene rimosso dopo 36-48 ore dall'intervento. La rieducazione funzionale inizia in 1^ giornata, con la ripresa della stazione eretta e della deambulazione con il carico parziale.
I pazienti avvertono con maggior favore le condizioni cliniche nel post-operatorio, con minor dolore e maggiore disponibilità a riprendere la posture eretta e la demabulazione.
Dopo la dimissione il paziente, se necessario, viene inviato in un centro di riabilitazione in costanza di ricovero. Nei casi invece dove il recupero funzionale appare rapido e semplice, il paziente viene invitato a proseguire con accessi quotidiani presso i centri di riabilitazione.
Come profilassi per le ossificazioni eterotopiche periarticolari, molto rare comunque in questo tipo di accesso chirurgico, viene prescritto un ciclo di antiinfiammatori per 1 mese (esempio 1 b. di Brufen al giorno per 30 giorni, in associazione  alla gastroprotezione).
Il primo controllo radiografico viene effettuato a 2 mesi dall'intervento (i successivi al 6° e12° mese)



casi clinici casi clinici [4.142 Kb]

LA PROTESI D'ANCA CON LA TECNICA TRADIZIONALE

LA  PROTESI D'ANCA CON LA TECNICA TRADIZIONALE - ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
La protesi d'anca può essere impiantata con tecniche più tradizionali, nei casi dove i caratteri somatici del paziente e gli aspetti radiologici dell'anca affetta da grave artrosi non possono travare soluzione con la procedura mini-invasiva. Nel  nostro reparto viene in genere utilizzato l'accesso laterale secondo Bauer, con la massima attenzione a ridurre il danno tessutale.
L'indicazione viene posta nei casi di grave artrosi primitiva o secondaria (a displasia congenita, a necrosi idiopatica o post-traumatica), con quadro clinico di dolore intrattabile, zoppia ed accorciamento dell'arto.
La quasi totalità delle protesi d'anca viene impiantata senza cemento. Utilizziamo le protesi in lega di titanio. Gli steli femorali possono essere anatomici o retti a seconda della conformazione del canale diafisario femorale.
Per quanto riguarda invece il cotile la nostra preferenza va per quelli emisferici a "press fit". Per l'accoppiamento privilegiamo quello che prevede l'utilizzo della ceramica.
Il paziente viene preparato per l'intervento presso un apposito servizio situato al 1° piano dell'ospedale S. Antonio. Laddove possibile preferiamo effettuare il predeposito ematico (2 sacche).
I drenaggi vengono rimossi dopo 48 ore all'intervento. Immediatamente il paziente viene  avviato al programma riabiltativo, con ripresa precoce della stazione eretta e della deambulazione. Il carico viene autorizzato subito e dovrà essere parziale per i primi 45 giorni. Il paziente deve assumere un fans (esempio il Brufen 1 /de) per 1 mese per la prevezione delle ossificazioni eteropiche periarticolari. Il paziente viene trasferito in 7-8^ giornata in un reparto di rieducazione funzionale. I controlli radiografici sono effettuati dopo 2, 6 e 12 mesi dall'intervento.
web web [845 Kb]

LA PROTESI TOTALE DI GINOCCHIO

LA PROTESI TOTALE DI GINOCCHIO - ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
I gravi danni articolari del ginocchio, derivanti dall'artrosi, dall'evoluzione delle patologie ad impronta infiammatoria cronica (come l'artrite reumatoide) o secondari ai difetti morfologici (varismo o valgismo) possono trovare un'efficace soluzione dalla sostituzione protesica.
Nel reparto ortopedico dell'Ospedale S. Antonio ricorriamo frequentemente a questa importante chirurgica sostitutiva, che prevede l'utilizzo di protesi cementate o non cementate. La scelta è fatta in funzione del quadro clinico, dell'aspetto radiologico e dell'età del paziente.
 
PROTESI GINOCCHIO PROTESI GINOCCHIO [1.738 Kb]

LA PROTESI MONOCOMPARTIMENTALE DI GINOCCHIO

LA PROTESI MONOCOMPARTIMENTALE DI GINOCCHIO - ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
In particolari condizioni cliniche e radiografiche possiamo sostituire solamente uno dei cosiddetti "compartimenti" che costituiscono l'articolazione del ginocchio (femoro-tibiale mediale, femoro-tibiale laterale e femoro-rotulea).

Pagina in preparazione

LA PROTESI DI SPALLA NELLA PATOLOGIA DEGENERATIVA

LA PROTESI DI SPALLA NELLA PATOLOGIA DEGENERATIVA - ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Il miglioramento delle conoscenze cliniche, il perfezionamneto delle metodiche d'indagine (radiografia, TAC e RMN) e i cambiamenti culturali, con la crescita delle aspettative da parte dei pazienti, hanno fatto si che sempre più spesso i soggetti affetti da grave artrosi della spalla e da dolore ingravescente chiedano la sostituzione protesica della spalla.
Le patologie che possono essere trattate con la sostituzione protesica della spalla sono l'artrosi primitiva, l'artropatia secondaria alla rottura massiva irreparabile della cuffia dei rotatori e l'artropatia reumatoide destruente.
Numerosi sono i dispositivi a nostra disposizione. Dobbiamo distinguere fra protesi cementate e non cementate.
L'endoprotesi, l'artroprotesi (con inserimento anche della componente glenoidea) e la protesi a geometria inversa rapprentano le soluzioni attualmente più utilizzate.
Nel reparto ortopedico dell'Ospedale S. Antonio pratichiamo con frequenza questo tipo di chirurgia sostitutiva e la nostra preferenza ricade sulla protesi non cementata a geometria inversa. L'esperienza che abbiamo acquisito in questo settore della chirurgia ci permette infatti di considerare la protesi a geometria inversa come la più idonea a rispettare gli obiettivi dell'artroplastica di spalla, come risolvere la sintomatologia dolorosa e ripristinare il movimento attivo e passivo della spalla.
protesi spalla protesi spalla [19.839 Kb]